Un esercizio nella governance di Ethereum: trasparenza, regola della casa di Chatham ed etere 1x


30 novembre 2018 23:59

L'ultimo incontro di Ethereum 1x, condotto sotto la Chatham House Rule, ha alcune persone nella comunità di Ethereum che pensano alla natura della trasparenza.

Come esseri umani, dobbiamo decidere come governare noi stessi, dai modelli di leadership che scegliamo per guidare le nostre azioni alle informazioni a cui siamo incaricati di diffondere (o non divulgare, come potrebbe essere). Quest'ultima considerazione, la condivisione delle informazioni, è emersa di recente come gli stakeholder di Ethereum considerano il equilibrio di trasparenza e privacy all'interno dello spazio di sviluppo.

Vale a dire, il 30 novembre incontro per discutere di Ethereum 1x, un aggiornamento proposto per la rete, aderito al Regola della Chatham House, che evita le identità e le affiliazioni dei partecipanti alla riunione. Questo è stato riferito il primo chiamata intenzionalmente guidata da questa regola.

Durante la settimana scorsa è stato registrato sessione, vari sviluppatori chiave hanno espresso opinioni divergenti sull'apertura degli incontri – alcuni ritenevano che non fosse necessario rendere pubbliche tutte le discussioni, mentre altri erano semplicemente ambivalenti sulla natura dell'incontro. Questa discussione è stata affrontata principalmente in risposta agli incontri privati ​​che si sono svolti a Devcon4 a Praga e alle reazioni che tali raduni hanno suscitato dai membri della comunità.

Lane Rettig, un dev del core di Ethereum che ha pubblicato pubblicamente il suo pensieri sulla governance, notato durante l'appello del 23 novembre, che la linea tra trasparenza e privacy è soggettiva e può essere fonte di confusione. Per uno, le conversazioni, soprattutto per quanto riguarda le questioni tecniche, possono essere interpretate in modo errato o travisate dai media, come i colleghi sviluppatori Péter Szilágyi mantiene. Tuttavia, una comunità presumibilmente aperta come Ethereum potrebbe voler default alla piena apertura, come ETH Mago Greg Colvin sostiene.

La Chatham House Rule dell'ultima riunione di Ethereum 1x, quindi, rappresenta una sorta di intermediario: la chiamata non è stata registrata, ma le note non attribuite del suo procedimento saranno pubblicate. C'è stato un certo scetticismo, però, come da Nick Johnson di Ethereum Name Service, che ha affermato che l'incontro è stato "un passo indietro per la trasparenza su ethereum" o da Parity Afri Schoedon, che ha detto che era "molto a disagio nel partecipare a una chiamata [was] non registrato."

Nonostante questi sentimenti, l'incontro ebbe registrare la presenza – circa 43 al suo apice – che è una parte considerevole dei circa 60 sviluppatori di base in tutto il mondo. Con la nuova regola, più partecipanti si sentivano come se potessero parlare più liberamente. Rettig aggiunto:

Come giornalista, capisco le preoccupazioni che persone come Szilágyi hanno. In un'epoca di – oserei dire, notizie false – travisamento scorretto e inesattezze di fatto reali dilagano all'interno del panorama dei media. Questa tendenza si applica certamente anche al regno del cripto-giornalismo.

Spesso, mi sento come a voyeur della comunità Ethereum, non necessariamente una parte di esso, a causa del reportage di cui sono responsabile. Scrivo storie di Ethereum, ea volte – soprattutto perché non ho un background tecnico – mi sbaglio. C'è una distanza tra lo spazio di sviluppo e me, non solo perché interpreto il reporter, ma anche perché le persone non sempre si fidano dei reporter.

Tuttavia, in qualità di osservatore, dico che è importante avere discussioni in merito governance off-chain, che include il pensiero critico su come la comunità di Ethereum trasmetta un senso di apertura. Alcuni sviluppatori potrebbero non credere che tali considerazioni siano importanti, specialmente quando il progresso tecnologico è l'obiettivo principale, ma gli approcci che gli sviluppatori perseguono hanno conseguenze. Molte parti interessate concordano sul fatto che a tecnocratica il processo decisionale sarebbe dannoso per la comunità, quindi discutiamo su come prevenirlo, iniziando con le conversazioni sulla trasparenza delle riunioni.

Daniel Putney è uno scrittore a tempo pieno per ETHNews. Ha conseguito la laurea in lettere inglesi all'Università del Nevada, a Reno, dove ha anche studiato giornalismo e teoria queer. Nel suo tempo libero, scrive poesie, suona il pianoforte e fa balli su personaggi di fantasia. Vive con il suo compagno, tre cani e due gatti nel mezzo del nulla, Nevada.

ETHNews è impegnata per il suo Politica editoriale

Ti piace quello che leggi? Seguici su Twitter @ETHNews_ per ricevere le ultime notizie su Afri Schoedon, Lane Rettig o altre opinioni di Ethereum.

.



Source link