Tether presenta il nuovo Stablecoin Yuan-Linked, CNHT


Lo spazio di criptovaluta ha avuto la sua giusta dose di controversie nel corso della sua breve esistenza, e uno dei più grandi fino ad oggi è quello relativo alle stablecoin. Al giorno d'oggi ci sono molte stablecoin in circolazione, ma la più controversa finora è Tether, ed è semplicemente dovuta al fatto che è la più popolare all'interno di questo particolare gruppo di risorse digitali.

Analisi chiave

Il motivo per cui molti nello spazio crittografico sono sospettosi di Tether e di altre stablecoin è perché la maggior parte di essi è supportata al 100% dal dollaro degli Stati Uniti (o da un'altra valuta fiat). Tuttavia, è ovvio che per molti trader, Tether ha i suoi usi ed è diventato molto popolare nel corso degli anni.

Le controversie che circondano Tether non impediranno che cresca ulteriormente, e oggi l'emittente stablecoin ha annunciato di aver lanciato un altro stablecoin, solo questo sarà sostenuto dallo Yuan cinese. Quello sostenuto dal dollaro USA è noto come USDT, e il token appena lanciato verrà chiamato CNHT. Va notato che la piattaforma Tether ha anche prodotto l'EURT, che è sostenuto al 100% dall'euro. A causa del lancio di questo nuovo asset digitale, Tether ha dichiarato che le principali valute legali del mondo possono ora essere utilizzate correttamente.

>> Bilancia di Facebook da agganciare a valute multiple come Stablecoin

Finora Tether ha avuto una storia controversa ed è soggetto a cause legali relative a violazioni delle leggi sulla sicurezza. Oltre a ciò, è stato anche affermato che Tether è stato utilizzato dai commercianti canaglia per sostenere artificialmente il prezzo del Bitcoin e di altre criptovalute. È un'affermazione problematica poiché tali azioni potrebbero indicare un sistema di pump and dump tramite il quale gli investitori creduloni potrebbero finire per perdere un sacco di soldi. Resta da vedere come l'ultima risorsa digitale sia accolta favorevolmente dallo spazio crittografico.

Immagine di presentazione: DepositPhotos © artefacti

Se ti è piaciuto questo articolo Fai clic per condividere





Source link