Ripple rilascia XRP per un valore di $ 225 milioni dall'impegno


Ripple si è trovato negli occhi della tempesta in diversi punti quest'anno per aver venduto una grande quantità di XRP a intervalli regolari. La società con sede a San Francisco è il principale detentore di XRP, la terza più grande criptovaluta al mondo per capitalizzazione di mercato, e quindi le sue azioni incidono sul prezzo del token.

Come reagirà il mercato?

In un nuovo sviluppo, è emerso che la società fintech ne ha rilasciato un altro 1 miliardo di token XRP, che valgono $ 225 milioni. Nonostante goda di una così grande capitalizzazione di mercato, XRP ha registrato prestazioni scarse quest'anno e finora è sceso di ben il 30% nel 2019.

Anche durante il crypto rally nella prima metà dell'anno, XRP non è riuscito a ottenere risultati migliori e le azioni di Ripple sono state spesso accusate dai partecipanti al mercato. Detto questo, va notato che l'ultima versione fa parte della versione pianificata dei token XRP dall'account di deposito a garanzia di Ripple. I token potrebbero essere stati venduti in mercati al di fuori degli scambi. Tuttavia, alcuni analisti ora ritengono che il token potrebbe in realtà non offrire mai il tipo di aspettative che molti investitori avrebbero potuto avere.

>> Lo scambio IDAX sospende gli account dopo che il CEO "scompare"

Esiste un'enorme quantità di token XRP e oltre un po 'di investimenti speculativi, oltre alla beta test da parte di istituti finanziari, non sta succedendo molto altro. Inoltre, il token è stato in difficoltà da quando ha raggiunto il massimo della sua vita di ben $ 3,40 per token nel 2017, e ci sono poche speranze che raggiungerà nuovamente quei livelli. Mentre la fine del 2019 si avvicina, il token è ora fino a $ 0,21 ciascuno, e anche i volumi degli scambi sono diminuiti.

A questo punto, un investimento in XRP è considerato un investimento speculativo e questo dovrebbe essere motivo di preoccupazione per Ripple.

Immagine di presentazione: DepositPhotos © adriantoday

Se ti è piaciuto questo articolo Fai clic per condividere





Source link