Microsoft collabora con Ethereum per creare nuove risorse digitali


Il mondo delle criptovalute si è sviluppato a un ritmo vertiginoso negli ultimi anni e ora è emerso che il colosso della tecnologia Microsoft (NASDAQ: MSFT) lavorerà con Ethereum per creare nuovi asset digitali. Fino a qualche anno fa, era quasi impensabile che una delle più grandi aziende del mondo stesse per entrare nello spazio crittografico, ma ora le cose sono certamente cambiate.

Maggiori dettagli

Apparentemente Microsoft sta lavorando con ETH per trovare un modo per controllare accuratamente i token crittografici appena creati.

Oltre a ciò, la società ha anche notato che i token Blockchain di Azure verranno utilizzati in questo particolare progetto. Azure è la società proprio servizio cloude nel corso degli anni è diventata un'attività da miliardi di dollari. I token Blockchain di Azure sono gestiti attraverso la blockchain di Ethereum, ed è qui che entra in scena la seconda criptovaluta più grande del mondo. Ora che i due si sono riuniti per questo progetto, sicuramente cadranno grandi cose nello spazio crittografico: legittimità, procedure standard e chissà cos'altro.

>> Il volume di scambi mensili di Bakkt Futures inizia a salire di passo

Il fondatore di Ethereum, Vitalik Buterin, ha dichiarato che l'arrivo di nuovi token è stato particolarmente dirompente per lo spazio blockchain e ha creato congestioni estreme. Per estensione, dovrebbe essere un problema anche per Azure, a causa della sua presenza sulla rete.

L'architetto principale di Microsoft ha dichiarato che cosa esattamente Azure porterà sul tavolo. Egli ha detto: "Stiamo portando il tipo di efficienza che vedi in Amazon Fresh e Amazon Now ovunque … perché stai colmando il divario tra le parti che collaborano e lavorano attraverso i processi aziendali".

Cosa ne pensi dei piani di Microsoft con Ethereum? Pensi che questo porterà cose buone al mercato delle criptovalute?

Immagine in primo piano: DepositPhotos © Violka08

Se ti è piaciuto questo articolo Fai clic per condividere





Source link