Il "Quantum Supremacy" di Google non ha alcun impatto sul Bitcoin

Bitcoin (BTC) ha "zip" da temere dagli ultimi progressi computazione quantistica a partire dal Google, ha confermato uno dei dati più noti del settore.

L'effetto su Bitcoin? “Zip, bupkis nada”

Parlando come parte di a Sessione di domande e risposte il 10 ottobre Andreas Antonopoulos ha versato acqua fredda sulle paure che il recente successo del calcolo quantistico di Google potrebbe avere un impatto cryptocurrencies come Bitcoin.

“Qual è l'effetto sul mining e sul mondo delle criptovalute in generale? Zip, bupki, nada, non succede davvero nulla ", ha riassunto.

Come Cointelegraph segnalati il mese scorso, Google aveva annunciato di aver utilizzato un computer quantistico per eseguire un'attività, che per completare un normale computer richiederebbe decine di migliaia di anni.

Descritto come "supremazia quantistica", l'evento ha suscitato preoccupazioni immediate sulle blockchain pubbliche.

I malintesi suscitano preoccupazioni criptiche

Antonopoulos, tuttavia, ha dichiarato che questi erano infondati.

"La supremazia quantistica, come descritto da Google, sta dimostrando l'applicabilità pratica dei computer quantistici a determinate classi di problemi", ha spiegato.

Antonopoulos ha continuato:

"Quelle classi di problemi non sono le stesse classi di problemi di cui stiamo parlando quando parliamo di rompere la crittografia".

L'idea di minacciare il bitcoin quantistico era emersa in precedenza diversi anni fa, anche Antonopoulos dissipare l'idea dovuta alla generale mancanza di raffinatezza della tecnologia.

Tuttavia, diventare quantico-resistenti, almeno in termini di algoritmi di firma, è sulla roadmap di Bitcoin come un passo necessario, ha aggiunto.





Source link