Il pirata informatico restituisce i domini di Ethereum ottenuti in Bug dell'asta

L'hacker che ha rubato 17 nomi di dominio Ethereum durante l'asta di Ethereum Name Service (ENS) ha deciso di restituirli tutti.

La promessa di un forte compenso

Il 4 ottobre, mercato da collezione digitale OpenSea disse che tutti i nomi ENS rubati sono stati restituiti correttamente e che le offerte sui nomi di dominio riprenderanno nuovamente nelle prossime settimane.

All'inizio di settembre, il processo di offerta ENS è stato sfruttato da un hacker che è riuscito a rubare 17 nomi di dominio per offerte inferiori rispetto ad altri utenti. OpenSea, che ha gestito l'asta, ha spiegato che un bug ha distribuito domini ENS ai partecipanti che non detenevano l'offerta più alta.

I nomi di dominio rubati, che includevano apple.eth, defi.eth, wallet.eth e pay.eth erano tutti nella lista nera e all'hacker fu promessa un'offerta interessante per restituire i nomi di dominio. OpenSea ha detto:

"Apprezziamo il lavoro svolto per esporre vulnerabilità nel sistema di aste. (…) Per compensare il lavoro svolto per esporre queste vulnerabilità, siamo pronti a offrirti il ​​25% del prezzo di offerta vincente per ogni nome che restituisci. Ti rimborseremo anche il prezzo di acquisto ".

Un dominio, coffeshop.eth, ha già ricevuto un'offerta di 100 Ether avvolto (WETH), del valore di circa $ 14.000 al momento della stampa.

L'hacker australiano ha rubato $ 450.000 in XRP l'anno scorso

Cointelegraph in precedenza segnalati che la cittadina australiana Katherine Nguyen si è dichiarata colpevole di aver rubato $ 450.000 XRP nel gennaio 2018. Ha violato l'account e-mail di un uomo con lo stesso cognome esatto e ha proceduto a rubare tutto il suo XRP, prima di sbloccare il suo account due giorni dopo. Il comandante della squadra della criminalità informatica Arthur Katsogiannis disse allora:

"È un crimine molto significativo ed è il primo che conosciamo del suo tipo in Australia, dove un individuo è stato arrestato e accusato del furto di criptovaluta abilitato alla tecnologia".





Source link