Il CEO di Veritaseum in insediamenti preliminari parla con la SEC


Fondatore e CEO di Veritaseum Reg Middleton è in trattativa con la Securities and Exchange Commission degli Stati Uniti per raggiungere un accordo sui reclami secondo cui l'offerta di moneta iniziale VERI (ICO) ha indotto in errore gli investitori in merito al valore potenziale del token.

Investitori "consapevolmente ingannati" del Veritaseum

Ad agosto, la SEC ha intentato una causa di emergenza contro Veritaseum e il suo fondatore per impedirgli di spendere $ 8 milioni di dollari raccolti dalla società in un ICO. La SEC sostiene quel Middleton "Consapevolmente ingannato" gli investitori circa il successo commerciale precedente al fine di aumentare la domanda degli investitori per i token VERI e che Veritaseum ha effettuato negoziazioni manipolative per aumentare il valore dei token VERI. La società ha raccolto circa $ 14,8 milioni di USD in un ICO tenuto tra il 25 aprile e il 27 maggio 2017.

“Le parti sono state impegnate in discussioni di transazione. Al fine di consentire alle parti di dedicare le proprie risorse alla risoluzione, le parti chiedono congiuntamente che la Corte stabilisca la conferenza di programmazione non prima dell'11 novembre 2019. Questa è la prima richiesta di un'estensione della conferenza di pianificazione, " la SEC ha detto oggi. Middleton ha sostenuto che la moneta del Veritaseum non è una sicurezza, ma piuttosto una forma di "Commissione prepagata" o "Software" nel tentativo di eludere i regolamenti della commissione.

>> La Bilancia sarà al centro dei nuovi regolamenti sulle criptovalute dell'UE

Manipolazione post ICO

In precedenza Middleton aveva affermato erroneamente che Veritaseum aveva prodotti pronti a guidare l'interesse per l'ICO, oltre a piazzare una serie di operazioni segrete altamente sospette dopo l'offerta, che ha aumentato artificialmente il prezzo di VERI del 300% in un solo giorno, posizionando nelle prime dieci criptovalute del mondo ad un certo punto. Ha anche presumibilmente sottratto $ 520.000 USD di denaro agli investitori per uso personale.

Nel 2017, Veritaseum ha dichiarato di aver perso 36.000 token VERI del valore di $ 8 milioni in un hack. I token sono stati scaricati in poche ore e i fondi, la fonte dell'hack, rimangono un mistero oltre due anni dopo. Il caso andrà a una conferenza preliminare l'11 novembre se non verrà raggiunto un accordo.

Immagine in primo piano: DepositPhotos © belchonock

Se ti è piaciuto questo articolo Fai clic per condividere





Source link