Il CEO di Goldman Sachs confuta la banca ha mai avuto piani per aprire il trading desk di Crypto

Goldman Sachs Il CEO David Solomon ha confutato categoricamente che la banca aveva mai in programma di aprire un banco di criptazione e ha dichiarato che precedenti resoconti dei media che suggerivano il contrario erano errati. Salomone fece le sue osservazioni davanti al stati Uniti Comitato dei servizi finanziari della Camera dei rappresentanti il ​​10 aprile, durante a udito intitolato "Holding Megabanks Responsabile: una rassegna delle banche globali sistemicamente importanti 10 anni dopo la crisi finanziaria".

Come in precedenza segnalatiI presunti piani di Goldman Sachs di creare un'unità focalizzata sulla crittografia entro la fine di giugno 2018 erano originariamente coperti da Bloomberg in una relazione del dicembre 2017. Nel settembre 2018, fonti anonime detto Business Insider che il progetto era stato sospeso. Alcuni giorni dopo, il direttore finanziario dell'azienda, Martin Chavez, detto reporter che i rapporti recenti erano "notizie false".

Nelle sue osservazioni, Solomon ha detto che Goldman Sachs si è impegnata con i clienti coinvolti nella compensazione dei futures criptati fisicamente stabiliti, ma che i presunti piani di trading desk erano falsi:

"Il primo [Bloomberg article] non era corretto Come gli altri, stiamo guardando e […] fare un lavoro per cercare di capire il mercato della criptovaluta man mano che si sviluppa […] ma non abbiamo mai avuto piani per aprire un trading desk di criptovaluta. "

In particolare, l'amministratore delegato non ha escluso una tale mossa dalla banca in futuro, affermando che:

"Potremmo ad un certo punto nel tempo, ma non c'è dubbio, quando hai a che fare con criptovaluta, è una nuova area […] non è chiaro da un punto di vista normativo, non è chiaro se […] a lungo termine, come valuta, queste tecnologie funzioneranno e saranno valide ".

Il membro del Congresso repubblicano dell'Ohio Warren Davidson, che stava interrogando Solomon sui resoconti dei media, ha espresso la sua convinzione che gli Stati Uniti sono in ritardo rispetto ad altri paesi e non riescono a "approfittare di questo settore fiorente [crypto]"A causa di incertezza normativa.

Come già riportato in precedenza da Cointelegraph, erano presenti altri amministratori delegati presenti all'udienza JPMorgan Chase CEO Jamie Dimon, che affermato il valore della tecnologia blockchain, ma ha ribadito la sua convinzione che le criptovalute decentralizzate non abbiano alcun valore intrinseco.

Un disegno di legge bipartisan per escludere le criptovalute dall'essere classificato come titoli e promuovere una maggiore chiarezza normativa per la cripto-prima proposto da Rep. Davidson e Democratic Congressman Darren Soto nel dicembre 2018 – era reintrodotto in una forma rivista al Congresso questa settimana.



Source link