Il 44% delle organizzazioni sanitarie europee non ha mai sentito Blockchain: IDC Survey


Solo un numero limitato di assistenza sanitaria aziende in Europa sono consapevoli dei benefici di blockchain applicazioni, secondo a sondaggio di americano mercato ricerca ditta International Data Corporation (IDC) pubblicato il 6 giugno.

Fino al 44% delle organizzazioni sanitarie europee non aveva mai sentito parlare della tecnologia di ledger distribuito (DLT), mentre solo il 12% di quelli sono legati alla tecnologia in un certo senso, blockchain media outlet Statistiche del libro mastro riporta, citando la ricerca IDC intitolata "IDC Survey Spotlight".

Solo l'1% di questi 12% ha una certa iniziativa blockchain in produzione, mentre l'1% ha più progetti DLT, osserva il rapporto.

Fonte: Statistiche del libro mastro

La ricerca si basa su un sondaggio di 290 aziende sanitarie in Europa e contiene i dati del sondaggio verticale di mercato di IDC del 2018 e 2019, scrive IDC.

Sulla base della ricerca, ci sono tre principali casi d'uso della tecnologia blockchain nel settore sanitario europeo, inclusi gli accordi di transazione, identità gestione e gestione dei record condivisi. Il caso di utilizzo dell'identità avrebbe avuto il maggior numero di progetti di produzione al 2%, con un'ulteriore pianificazione del 6% nei prossimi 12 mesi.

Ieri, la società di ricerca Data Foundation e la società informatica Booz Allen Hamilton rilasciato una relazione che esamina la fattibilità dell'implementazione della blockchain da parte di varie industrie al fine di assistere il governo federale degli Stati Uniti in quali campi dovrebbe essere utilizzata la tecnologia. Il rapporto menzionava un numero di progetti basati sulla blockchain da parte di varie agenzie, incluso il Dipartimento della salute e dei servizi umani.

La settimana scorsa, Germaniasocietà farmaceutica basata sulla Boehringer Ingelheim annunciato partnership con la piattaforma sanitaria basata su blockchain Solve.Care per creare una rete blockchain per la condivisione affidabile dei dati tra i pazienti con diabete.



Source link