Gli sforzi di Cripto di Starbucks apriranno la via all'adozione mainstream?

Gli Stati Uniti catena di caffetterie Starbucks è una delle aziende più importanti a esaminare la crittografia e le sue intenzioni sono state finalmente confermate questa settimana: la società ha collaborato con Microsoft per tracciare i suoi fagioli con una blockchain.

Inoltre, i rapporti dicono che il gigante del caffè potrebbe iniziare ad accettare bitcoin (BTC) pagamenti nei suoi rami degli Stati Uniti alla fine di quest'anno. Quindi, è il mainstream tanto atteso adozione finalmente arrivando al mercato cripto?

Come molte aziende tradizionali, Starbucks si appoggia all'approccio "blockchain before bitcoin"

Il rapporto di Starbucks con la crittografia potrebbe essere fatto risalire al gennaio 2018, quando il suo presidente esecutivo e l'ex amministratore delegato Howard Schultz discusso l'oggetto durante la chiamata di guadagni Q1 2018 dell'azienda.

Schultz sembrava scettico riguardo al bitcoin in quel momento, affermando che non sarebbe "una valuta oggi o in futuro". Tuttavia, il presidente ha suggerito che alcune altre criptovalute potrebbero avere successo:

"Ne sto parlando perché, mentre pensiamo al futuro della nostra azienda e al futuro del comportamento dei consumatori, personalmente credo che ci sarà una o più valute digitali attendibili e affidabili dalla tecnologia blockchain".

Quelle criptovalute, ha aggiunto Schultz, dovrebbero essere legittimate da un ambiente in mattoni e malta.

In un'intervista con Fox Business trasmessa nel marzo 2018, Schultz ha continuato a discutere di criptovalute e della loro tecnologia di base. "Penso che la tecnologia blockchain sia probabilmente il binario in cui un'app integrata a Starbucks sarà seduta sopra", il presidente esecutivo dichiarato.

Primi passi crittografici: Bakkt, pagamenti BTC

Nell'agosto 2018, il gigante del caffè con sede a Seattle si rivelò come uno dei BakktI suoi principali partner, insieme a Microsoft e alla consulenza Boston Consulting Group. Bakkt è una piattaforma di asset digitali creata da Intercontinental Exchange (ICE), che dovrebbe essere lanciato entro la fine dell'anno.

In particolare, secondo il comunicato stampa originaleStarbucks non solo lavorava con Bakkt per creare la sua piattaforma, ma la userebbe anche per accettare i pagamenti criptati nelle sue caffetterie.

"In qualità di rivenditore di punta, Starbucks svolgerà un ruolo fondamentale nello sviluppo di applicazioni pratiche, affidabili e regolate per i consumatori per convertire le proprie risorse digitali in dollari USA da utilizzare su Starbucks", ha affermato Maria Smith, vicepresidente di partnership e pagamenti di Starbucks.

La notizia ha provocato titoli rialzisti simili a quelli della CNBC "La nuova partnership Starbucks con Microsoft consente ai clienti di pagare per i Frappuccini con bitcoin. "Tuttavia, il rivenditore di caffè è stato veloce nel definire le cose in chiaro. Un portavoce di Starbucks detto Vice lo stesso giorno è stato pubblicato il comunicato stampa:

"È importante chiarire che non stiamo accettando beni digitali da Starbucks. Piuttosto, lo scambio convertirà le risorse digitali come Bitcoin in dollari USA, che possono essere utilizzati da Starbucks. Al momento stiamo annunciando il lancio di trading e conversione di Bitcoin. Tuttavia, continueremo a parlare con i clienti e le autorità di regolamentazione man mano che lo spazio evolve ".

"I clienti non saranno in grado di pagare i Frappuccini con bitcoin", ha sottolineato in particolare il portavoce.

A marzo, nuovi dettagli sulla partnership di Starbucks con Bakkt affiorato, confermando la sua intenzione di accettare pagamenti basati su BTC una volta raggiunto un accordo azionario tra i due.

Quindi, secondo il rapporto di The Block citando fonti anonime, Starbucks installerà il software di pagamento di Bakkt nelle sue filiali, che permetterà ai clienti di pagare con risorse digitali. Tali pagamenti saranno immediatamente convertiti in fiat, tuttavia, in modo che il gigante del caffè non debba occuparsi di crittografia, presumibilmente per semplificare la contabilità. L'opzione sarà disponibile in esclusiva per i clienti degli Stati Uniti in primo luogo, suggerisce l'articolo.

Non è "diverso" rispetto agli altri programmi di mercanti BTC e non rappresenta un caso importante di adozione al dettaglio, afferma Michael Dowling, CEO e fondatore di FairX, una società di servizi finanziari che si occupa di attività bancarie e digitali e ex chief technology officer presso Il braccio della blockchain di IBM. Ha detto a Cointelegraph:

"Nessuno vuole tenere BTC a causa della sua volatilità USD, ma amano quanto sia 'facile' ricevere un valore su BTC fintanto che converte immediatamente in USD."

Dowling ha suggerito che potrebbe essere un tentativo di bypassare Starbucks e Bakkt Visa e MasterCardLe commissioni di interscambio attraverso l'iniziativa, che possono essere utili per i commercianti, ma comunque dovrebbero venire con le proprie mancanze:

"Come commerciante, stai solo scommettendo che il tasso di cambio sarà neutrale o a tuo favore quando arriverà il momento di riscattare. Oh sì, e si spera che l'agente di rimborso sarà sempre in grado di fornire liquidità in USD. "

Eyal Shani, un ricercatore di blockchain ad Aykesubir, è anche troppo scettico per considerare l'iniziativa come un caso di adozione mainstream, ma ammette che potrebbe aprire la strada a ulteriori casi.

"Accettare bitcoin e trasferirlo immediatamente a fiat è semplicemente godersi il tasso e le commissioni di cambio sul lato di Starbucks", ha detto a Cointelegraph. "Possono accettare qualsiasi valuta insieme alla giusta commissione per elaborarla successivamente. Detto questo, qualsiasi nuovo caso di uso reale di bitcoin potrebbe servire come ulteriore passo per una più ampia adozione in futuro, se ciò dovesse accadere ".

Charlie Smith, analista presso la società di gestione patrimoniale Blockforce Capital, pensa tuttavia che l'arrivo previsto da Starbucks nel campo dei pagamenti BTC sia una cosa ampiamente positiva per il mercato criptato. "Mentre alcuni potrebbero provare a minimizzare queste notizie perché Starbucks convertirà immediatamente i pagamenti bitcoin in valuta fiat, non crediamo che diminuisca il significato di questa notizia", ​​ha scritto a Cointelegraph in una e-mail, aggiungendo:

"Riteniamo che Starbucks abbia segnalato che l'adozione di BTC come forma accettata di pagamento al dettaglio è un chiaro caso di adozione al dettaglio. Il fatto che i clienti saranno in grado di pagare utilizzando bitcoin non solo contribuisce ad aumentare l'usabilità generale della valuta, ma dovrebbe anche aumentare la consapevolezza e la comprensione di bitcoin e criptovalute in generale, data la quota di mercato di Starbucks. Inoltre, se una società di vendita al dettaglio sulla scala di Starbucks ha determinato che è nel loro migliore interesse accettare il bitcoin come forma di pagamento, è un chiaro segnale che c'è una popolazione di consumatori significativa pronta a utilizzare la criptovaluta come forma di pagamento su base giornaliera. "

Per quanto riguarda la conversione immediata di BTC, Smith ha detto che dovrebbe essere simile a come un'azienda americana converte pagamenti in euro in dollari USA: "C'è una grande differenza tra l'adozione al dettaglio di bitcoin o altre criptovalute e quelle stesse società che sono in grado o volentieri affrontare i rischi di cambio insiti in qualsiasi organizzazione multinazionale. Starbucks convertendo istantaneamente i pagamenti bitcoin in valuta fiat non ha alcun impatto sul caso di utilizzo al dettaglio di bitcoin più di quanto una società statunitense che converta i pagamenti effettuati in euro in dollari impatti sul caso d'uso al dettaglio per Euro. "

L'analista ha riassunto:

"L'adozione di Starbucks è un balzo in avanti per le criptovalute che consente alle persone di utilizzare il proprio bitcoin per più di un semplice investimento, che dovrebbe portare, auspicabilmente, ad un'ulteriore adozione".

Iniziativa da Bean a Coppa: armare gli agricoltori con una blockchain

Questa settimana, la rivista di notizie tecnologiche GeekWire segnalati che Starbucks implementerà il noto servizio tecnologico Microsoft Azure Blockchain Service di Microsoft per monitorare la produzione di caffè.

Prima annunciato nel 2018, l'iniziativa si chiama "bean to cup". Inizialmente, Starbucks menzionato che stava considerando l'utilizzo di una "tecnologia di tracciabilità" per il suo sistema di tracciamento del caffè, senza specificare che sarebbe necessariamente una blockchain.

Ora, sono stati svelati ulteriori dettagli. Il sistema di blockchain azionato da Azure consentirà ai clienti di monitorare la produzione del loro caffè e presumibilmente fornirà ai coltivatori di caffè del Ruanda, Colombia e Costa Rica con più indipendenza finanziaria.

Inoltre, Starbucks ha notato che avrebbe reso il programma pilota open source per diffondere le proprie scoperte. Altri progetti annunciati in collaborazione con Microsoft includono l'assegnazione predittiva di drive-thru e la connessione di Internet of Things (IoT) equipaggiamento abilitato in diversi luoghi di caffè.

Servizio Azure Blockchain di Microsoft è stato annunciato all'inizio di maggio. È un blockchain-as-a-service (Baas) piattaforma che consente agli utenti di creare applicazioni blockchain su una rete preconfigurata. Attualmente supporta Quorum, il Ethereumpiattaforma basata su JPMorgan Chase. Il nuovo Microsoft BaaS mira a semplificare l'uso delle reti di blockchain del consorzio, dalla creazione alla modifica.

Spiegando perché Starbucks potrebbe scegliere la soluzione blockchain di Microsoft rispetto ad altre, Shani ha suggerito che potrebbe essere una mossa per rafforzare la partnership:

"Sebbene non siano state pubblicate informazioni rilevanti, possiamo tranquillamente supporre che la scelta dei servizi blockchain di Microsoft rispetto ad altre opzioni siano state principalmente influenzate dalle attuali partnership detenute dalle aziende piuttosto che dalle differenze tecniche di blockchain sui servizi gestiti da Azure vs blockchain su AWS, a questo livello di maturità di tali servizi. "

In effetti, le due società sembrano avere una stretta relazione. Il CEO di Starbucks, Kevin Johnson, è un ex dirigente Microsoft che ha diretto le vendite mondiali e le divisioni di Windows prima di unirsi alla caffetteria catena nel 2015.

Smith, d'altra parte, sostiene che il prodotto di Microsoft è semplicemente migliore per Starbucks rispetto ad altre opzioni sul mercato. "Azure offre la possibilità di sviluppare e implementare la tecnologia blockchain in un'infrastruttura esistente in modo più rapido e meno dispendioso in termini di risorse", ha detto a Cointelegraph, confrontandolo con il Quorum o altri protocolli di blockchain esistenti.

"Questo permette a Starbucks di concentrarsi sui propri processi mentre esternalizza le responsabilità che possono essere meglio gestite da una terza parte esperta di blockchain".

Dowling of FairX ha suggerito che la piattaforma blockchain di Microsoft potrebbe sembrare più affidabile per Starbucks del Quorum a causa delle sue radici:

"Nell'IT aziendale, c'è un vecchio detto 'nessuno viene licenziato per l'acquisto di IBM.' Fondamentalmente, il Quorum è scritto e gestito da JPM, che è una banca e non un negozio di sviluppo SW. Quindi, se sono un cliente aziendale, mi sentirò molto più a mio agio con una versione con marchio Microsoft – insieme con la loro struttura di supporto – sull'offerta JPM, anche se potrebbero essere lo stesso software. JPM lo sa, ed è per questo che hanno collaborato con Microsoft. Questa è anche la ragione R3 e IBM ha fatto lo stesso con Corda e tessuto. "

Perché Starbucks avrebbe bisogno di una blockchain

Tuttavia, Dowling non è sicuro del motivo per cui Starbucks avrebbe bisogno di una blockchain in primo luogo. Ha suggerito che potrebbe rappresentare un modo potenzialmente efficace per tracciare quale agricoltore sta procurando i migliori fagioli come "votato" dai clienti, ma non potrebbe pensare a nessun altro uso del caso reale che potrebbe essere realizzato con la tecnologia blockchain in particolare:

"Ad essere onesti, trovo l'intero programma, come spiegato dalla stampa, molto confuso e non sono sicuro di quale problema stiano cercando di risolvere. (…) Perché ha bisogno di essere decentralizzato? Perché questo programma – di persone che votano per i fagioli, penso – richiede l'applicazione di chiavi pubbliche / private e un database distribuito? "

In effetti, realizzare questo obiettivo potrebbe essere fatto senza usare blockchain, d'accordo Smith di Blockforce Capital, "ma incorporare una soluzione blockchain enterprise è più efficiente delle alternative." Proseguì:

"Con questa iniziativa, Starbucks sta cercando di rafforzare notevolmente la trasparenza della sua catena di fornitura. (…) La soluzione proposta può essere paragonata a come altre reti blockchain, come la rete bitcoin, convalidano un gran numero di transazioni senza un'autorità centralizzata. La tecnologia sottostante è simile, la sua applicazione è solo diversa. "

Ci sono altri casi importanti di aziende che incorporano con successo la blockchain, aggiunge l'analista, sostenendo che la tecnologia dovrebbe essere la soluzione giusta per il concetto di "commercio equo" che è particolarmente popolare nell'industria del caffè in particolare:

"Il programma IBM Food Trust collabora con Walmart e altri importanti produttori di alimenti per tracciare la produzione alimentare al fine di contribuire a arginare le malattie trasmesse dagli alimenti. Starbucks sta affrontando un problema simile ma per una ragione diversa. Mentre la sicurezza alimentare non è la causa principale, Starbucks vuole offrire ai clienti l'opportunità di monitorare dove viene prodotto il caffè che consumano. Qualsiasi persona che sia anche un consumatore occasionale di caffè ha sentito usare il termine "commercio equo" abbastanza frequentemente. Il concetto di commercio equo e solidale ha acquisito notevole attenzione negli ultimi anni in numerosi settori, con il caffè come una delle se non la più grande industria a concentrarsi sul commercio equo. Tramite l'uso della blockchain dell'iniziativa 'bean-to-cup', i clienti saranno in grado di verificare personalmente da dove proviene il loro caffè e individuare produttori specifici che producono caffè in modo sostenibile ed equo, così come quelli che creano caffè eccezionale. Un cliente che beve Starbucks oggi ha poca o nessuna idea di chi stia producendo il caffè che sta consumando e può solo contare su un adesivo per "verificare" che il caffè sia un commercio equo. In sostanza, Starbucks sta cercando un modo per fornire una maggiore responsabilità e che può essere realizzato con una soluzione blockchain aziendale. "

Allo stesso modo, Shani crede che l'iniziativa "bean-to-cup" faccia parte della generale tendenza della "fiducia alimentare" autorizzata dalla blockchain:

"L'uso della blockchain nella filiera alimentare è molto interessante per diversi motivi. Se sei un costruttore di edifici, è molto probabile che tu compri i tuoi martelli in un unico posto. Aziende come Starbucks riforniscono i loro chicchi di caffè da centinaia di migliaia di piccoli agricoltori per soddisfare la domanda. Alcuni di questi agricoltori non saranno nemmeno registrati nei loro paesi d'origine. È impossibile mantenere la fiducia quando si ha a che fare con una filiera così estesa e su larga scala. Invece di fare in modo che un'entità contenga tutti i dati e attesta che è corretta, un'idea più intelligente sarebbe quella di creare un database basato su blockchain collaborativo in cui ogni parte sia responsabile nei confronti della propria parte ".

Tuttavia, il ricercatore di blockchain ha aggiunto che persino un database centralizzato potrebbe creare nuove opportunità all'interno dell'industria del caffè, considerando "lo stato in cui i sistemi legacy sono oggi". Shani ha anche sottolineato che né l'esatta architettura della soluzione né il modello di fiducia sono stati divulgato da Startbucks a questo punto.

Anche le potenziali opportunità finanziarie per i coltivatori di caffè menzionate nel comunicato stampa e nella relazione GeekTimes sono alquanto oscure.

"L'unica cosa che posso pensare qui è che c'è una componente di pagamento ferroviario che riduce il costo delle transazioni transfrontaliere", ha detto Dowling a Cointelegraph. "Sebbene non ne facciano menzione. Oppure c'è una specie di "moneta-fagiolo" che gli agricoltori ottengono, e la riscattano per fiat? Se è così, perché blockchain? "

Dato che il principale vantaggio dell'iniziativa "bean-to-cup" è che può fornire agli agricoltori una maggiore trasparenza e una grande quantità di nuovi dati, suggeriva Smith, potrebbe consentire loro di costruire i loro marchi unici "al di fuori del nome generale di Starbucks. " Lui continuò:

"Attualmente, quando acquisti il ​​caffè da Starbucks, l'unica informazione disponibile è il tipo di caffè e il paese in cui è stato coltivato. Utilizzando la blockchain, Starbucks sarà in grado di fornire ai suoi clienti un'infinità di nuove informazioni, come quando il caffè è stato raccolto, quando è stato spedito, da quale fattoria proviene e potenzialmente anche le tecniche agricole utilizzate come quella fattoria.

"Ciò fornirà ai clienti un potere maggiore per sostenere determinati agricoltori, sia per ragioni di sostenibilità o semplicemente perché l'agricoltore produce il caffè migliore da degustare. Questo, a sua volta, dovrebbe consentire alle oltre 380.000 aziende agricole di differenziarsi e creare un marchio unico al di fuori del nome generale di Starbucks. Dal punto di vista degli agricoltori, questo nuovo servizio dovrebbe fornire dati preziosi sulle preferenze dei consumatori e profili di gusto, che consentiranno agli agricoltori di elaborare conclusioni basate sui dati e aiutarli a prendere decisioni più proficue ".

Cointelegraph ha contattato Starbucks per chiarire perché avrebbe avuto bisogno di una blockchain e in che modo esattamente avrebbe potuto beneficiare i coltivatori di caffè, tra le altre cose, ma non ha avuto risposta in tempo di stampa.



Source link