Gli investitori pensano di tagliare i legami con la Bilancia di Facebook in mezzo al controllo normativo


Almeno tre investitori nella criptovaluta Bilancia di Facebook stanno prendendo in considerazione la possibilità di dissociarsi con la valuta a seguito di un intenso respingimento regolamentare.

Secondo un rapporto pubblicato sul Financial Times venerdì, alcuni sostenitori temono che i riflettori puntati sulla proposta criptovaluta del gigante dei social media porteranno discredito anche alle loro attività separate e indipendenti. Due soci fondatori hanno presumibilmente discusso su ciò che il "Giusti passi successivi" dovrebbe essere per il loro investimento. "Penso che sarà difficile per i partner che vogliono essere considerati conformi (con i propri regolatori) essere là fuori a sostenere (Bilancia)" disse uno dei soci fondatori.

Bilancia ha subire forti critiche e scetticismo dai regolatori all'interno dell'Unione Europea e del Congresso degli Stati Uniti, che hanno messo in dubbio il modo in cui dovrebbero fidarsi di Facebook (NASDAQ: FB) data la sua recente storia di uso improprio dei dati degli utenti, che ha fatto cadere l'azienda con una sanzione di $ 5 miliardi di dollari. La critica è stata così intensa che il mese scorso Facebook è stata costretta a rilasciare una dichiarazione in cui avvertiva gli investitori che lo stablecoin non sarebbe mai stato rilasciato.

Secondo quanto riferito, Facebook ha respinto gli investitori dubbiosi, che alcuni hanno soprannominato "la cripto mafia", sostenendo che è "Stanco di essere le uniche persone a tirar fuori il collo." 28 società si sono unite per costituire l'Associazione Bilancia, che assumerà il controllo della moneta, e include alcuni nomi molto riconoscibili come Mastercard (NYSE: MA), Spotify (NYSE: SPOT), Uber (NYSE: UBER) e PayPal (NASDAQ: PYPL). Ogni società ha dovuto pagare $ 10 milioni di dollari per partecipare all'iniziativa. I tre dubbiosi sopra citati rimangono anonimi.

>> Lo scambio giapponese Coincheck è pronto a lanciare la piattaforma IEO

Indipendentemente dal risultato di questa situazione, passeranno diversi anni prima che la Bilancia sia pienamente operativa. "Ci vorranno anni per stabilire i documenti di governance dell'Associazione e altri anni per identificare i casi d'uso iniziali di pagamento che la piattaforma supporterà e i vincoli normativi che la piattaforma deve affrontare in modo specifico per tali casi d'uso", ha affermato Tim Sloane, vice presidente per l'innovazione dei pagamenti a Maynard.

Immagine di presentazione: DepositPhotos © poringdown

Se ti è piaciuto questo articolo Fai clic per condividere





Source link