Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti: condanna due rumeni di crimini informatici tra cui il criptaggio

Una giuria federale ha condannato due rumeno presunti criminali informatici di diffusione il malware rubare carta di credito credenziali e illecitamente il mio criptovaluta, un annuncio dal sito ufficiale del stati Uniti Dipartimento di Giustizia rivelato l'11 aprile.

Secondo quanto riferito, il malware presumibilmente diffuso dai sospetti era usato cryptojacking e per rubare la carta di credito e altri dati che i sospetti avrebbero venduto darknet mercati e utilizzato per partecipare all'asta online frode.

Come riportato dal comunicato stampa del Dipartimento di Giustizia, Bogdan Nicolescu, 36 anni, e Radu Miclaus, 37 anni, sono stati condannati dopo un processo di 12 giorni.

Le due persone sono state accusate di frode telematica, cospirazione per il traffico di marchi di servizio contraffatti, furto di identità aggravato, cospirazione per il riciclaggio di denaro sporco e 12 conteggi per frode.

I due dovrebbero essere condannati il ​​14 agosto di quest'anno nel Distretto settentrionale dell'Ohio.

L'attività è stata presumibilmente condotta come "cospirazione criminale" da Bucarest, in Romania, dai sospetti di cui sopra e da un'altra persona che si è dichiarata colpevole. Il malware stesso è stato riferito che è stato sviluppato nel 2007 e quindi diffuso tramite e-mail che si propongono come comunicazioni legittime da entità come Western Union, Norton AntiVirus e Internal Revenue Service.

Come spiega il comunicato stampa, i destinatari che hanno cliccato sul file allegato in tale e-mail hanno installato malware sui loro dispositivi. Il malware ha anche raccolto indirizzi e-mail dagli elenchi dei contatti delle vittime. I computer infetti hanno anche registrato oltre 100.000 account di posta elettronica AOL che sono stati utilizzati per diffondere ulteriormente il malware con milioni di email inviate agli indirizzi rubati.

Il virus ha anche reindirizzato il traffico verso i principali siti web come Facebook, PayPal, eBay a una versione quasi identica intesa per il phishing per ottenere credenziali di accesso. Le credenziali rubate sono state utilizzate per affittare spazi server, registrare nomi di dominio e pagare per servizi di anonimizzazione.

Infine, il rapporto specifica che il caso è stato investigato congiuntamente dagli Stati Uniti. Ufficio investigativo federale e la polizia nazionale rumena.

Come Cointelegraph segnalati all'inizio di questa settimana, Bitcoin (BTC) portafoglio servizio lega di rame sta affrontando un attacco Denial-of-Service in corso sui suoi server e gli utenti hanno perso milioni di dollari.

In un rapporto del mese scorso di AT & T Cybersecurity, lo era rivelato che il mining di criptovaluta è uno degli obiettivi più osservati degli hacker che attaccano le aziende nube infrastrutture.

Alla fine di marzo, le notizie si sono interrotte che un nuovo ceppo di Trojan il malware per i telefoni Android si rivolge agli utenti globali delle migliori app cripto come Coinbase, BitPay e Bitcoin Wallet, così come banche Compreso JP Morgan, Wells Fargo, e Banca d'America.



Source link