Deutsche Börse, Swisscom e Sygnum lavorano per costruire un ecosistema di beni digitali

I partner intendono sfruttare le proprie radici nel settore finanziario svizzero per riempire l’ecosistema di servizi di asset digitali.

Deutsche Börse Group, i proprietari della tedesca Frankfurt Stock Scambio; Swisscom, un fornitore di telecomunicazioni e IT; e la ditta FinTech svizzera e con sede a Singapore Sygnum hanno collaborato per costruire quello che sono chiamata una “infrastruttura del mercato finanziario affidabile e conforme alle normative per le risorse digitali”.

L’ecosistema proposto fornirà ai clienti soluzioni di emissione e custodia, oltre a consentire loro l’accesso alla liquidità e ai servizi bancari.

Come spiegato nel comunicato stampa congiunto, l’iniziativa sfrutterà la tecnologia di contabilità generalizzata (DLT) sviluppato da Swisscom per soddisfare i requisiti di sicurezza delle istituzioni di servizi finanziari e consentire la scalabilità.

Tuttavia, al di là di ciò che ciascuna azienda sta singolarmente apportando al gruppo, l’annuncio chiarisce che la partnership trarrà vantaggio dalle partecipazioni incrociate per consentire all’ecosistema di sfruttare le esigenze dei clienti nel mercato dei beni digitali.

Swisscom e Sygnum forniranno l’iniziativa con le sue soluzioni di custodia attraverso Custodigit AG, una società fondata dalle società telecom e FinTech. Come parte della partnership, Deutsche Börse investirà in Custodigit AG e contribuirà a supportare il servizio di custodia mentre l’ecosistema di risorse digitali continua a crescere.

Custodigit AG non sarà l’unica azienda a contribuire all’iniziativa della partnership. Sia Deutsche Börse che Sygnum diventeranno azionisti in daura AG.

Secondo il comunicato stampa, daura AG utilizza DLT per fornire una piattaforma per le piccole e medie imprese svizzere per l’emissione, il trasferimento e la registrazione di azioni delle loro società. La piattaforma di Daura AG verrà utilizzata per fornire agli utenti degli ecosistemi delle risorse digitali l’accesso alle società altrimenti non quotate.

Infine, a Sygnum verrà affidato il compito di fornire i servizi bancari dell’ecosistema, quali depositi, prestiti, emissione di capitale tramite tokenizzazione, intermediazione e gestione patrimoniale. Attualmente, Sygnum è in procinto di ottenere una licenza bancaria svizzera e un commerciante di valori mobiliari dall’Autorità di vigilanza del mercato finanziario (FINMA), l’autorità di regolamentazione finanziaria della Svizzera.

Sebbene la spinta principale dell’iniziativa sia quella di spingere l’evoluzione dell’innovazione del mercato finanziario, sia Swisscom che Deutsche Börse hanno la loro giusta quota di progetti legati alla blockchain per implementare la tecnologia nel settore finanziario.

A settembre 2017, Swisscom AG annunciato il lancio della sua controllata, Swisscom Blockchain Ltd., che stava lavorando per creare un prototipo per il trading fuori borsa basato su blockchain.

Per quanto riguarda Deutsche Börse, la società annunciato nell’ottobre 2018 il suo prototipo del progetto BLOCKBASTER aveva completato con successo i test delle prestazioni per gli insediamenti di titoli basati su blockchain transazioni, pagamenti di interessi e rimborsi su obbligazioni scadute.

A partire da ora, le tre società stanno aspettando che la loro fusione venga approvata prima di andare avanti. Secondo il comunicato stampa, i partner pianificano di lanciare il primo ciclo di servizi dell’ecosistema degli asset digitali nel corso del 2019.

Source link