Deutsche Bank entra a far parte della piattaforma di rete di informazioni interbancaria di JPMorgan


La più grande banca tedesca, Deutsche Bank, ha aderito 320 altre banche nella rete blockchain di JPMorgan, l'Interbank Information Network (IIN).

La mossa mira a ridurre i costi per Deutsche Bank, che gestisce un ammontare più ampio di pagamenti in euro rispetto a qualsiasi altra banca a livello globale. Ciò migliorerà anche le transazioni transfrontaliere ed eviterà quindi i costosi periodi di ritardo.

Piattaforma IIN per migliorare le transazioni transfrontaliere

Secondo il responsabile della gestione della liquidità della banca a livello globale, Ole Matthiessen, l'Interbank Information Network consentirà alla banca di fornire ai clienti servizi migliorati. Ha aggiunto che i concorrenti non sono più solo le banche, perché ci sono nuovi giocatori attualmente sul mercato. Ha affermato che Deutsche Bank deve essere più efficiente per offrire ai clienti un'esperienza digitale fluida in tempo reale.

Matthiessen ha inoltre indicato che la banca utilizzerà ugualmente la piattaforma IIN nella condivisione degli assegni KYC con altri istituti finanziari.

La blockchain guidata da JPMorgan è stata lanciata nel 2017 e attualmente ha una rete di 320 banche. Le banche si scambiano i dati di pagamento tra loro attraverso la rete Ethereum. La rete IIN funziona sulla piattaforma JPMorgan Quorum ed è stata recentemente segnalata come quasi piena dal co-fondatore Vitalik Buterin. Questo perché è la rete blockchain più comune per le dApp

JPMorgan cerca di aggiungere altri banchi sulla piattaforma

Il responsabile dei pagamenti di JPMorgan, Takis Georgakopoulos, ha dichiarato se la piattaforma IIN avesse solo client JPMorgan, probabilmente avrebbe enormi limiti. Ha aggiunto che ciò significa che il resto delle banche più piccole avrebbe ancora procedure separate. Questo perché le loro transazioni con JPMorgan e con altre banche sarebbero comunque diverse.

>> Ripple (XRP) cade sul momento ribassista: quale sarà il prossimo?

Georgakopoulos ha dichiarato che l'IIN può accelerare le transazioni e le emissioni attraverso la fornitura di un "libro mastro accessibile reciprocamente", che farà risparmiare tempo e denaro. Ha espresso il suo ottimismo per il fatto che, con la presenza della Deutsche Bank a bordo, questo aprirà opportunità anche ad altre grandi banche di entrare a far parte della piattaforma IIN.

Oltre a IIN, le piattaforme blockchain transfrontaliere di R3 e MasterCard stanno lavorando per migliorare la velocità delle transazioni globali. Nonostante ci sia 57 piattaforme di pagamento in tempo reale in oltre 72 paesi, nessuno è applicabile universalmente.

Immagine in primo piano: DepositPhotos © jamesteohart

Se ti è piaciuto questo articolo Fai clic per condividere





Source link