Blockchain araldico – Vasto potenziale, ma i progetti sono tenuti segreti

Quando lo ha detto il ministro della Difesa indiano Rajnath Singh blockchain e intelligenza artificiale "rivoluzionerebbe la guerra", come Cointelegraph segnalati il 4 novembre, ha portato le cose un po 'troppo lontano? I motori a reazione hanno rivoluzionato la guerra, così come i missili e le armi nucleari, ma hanno condiviso i registri digitali?

L'ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen, per esempio, ha detto a Cointelegraph di essere d'accordo con il ministro indiano quando gli è stato chiesto dei possibili usi militari della blockchain:

“Sì, potenzialmente. Le tecnologie digitali stanno trasformando la guerra dagli anni '90, quindi le tecnologie emergenti come la blockchain hanno il potenziale per definire l'industria bellica nei prossimi decenni. La condivisione dei dati e dei dati sarà fondamentale per la guerra in futuro, in particolare con lo sviluppo dell'intelligenza artificiale ".

Rasmussen – ex primo ministro danese di tre mandati, attuale CEO di Rasmussen Global e consigliere strategico della startup svizzera di identità blockchain Concordium – ha aggiunto:

“La condivisione dei dati riguarda fondamentalmente le transazioni. Garantire e condividere i dati giusti nel giusto ordine tra le parti giuste (computer, macchine, agenzie di difesa e tra gli alleati) è fondamentale nei militari moderni e acquisterà importanza solo in futuro. "

Proteggere le armi dagli hacker

La tecnologia Blockchain sarà fondamentale nella difesa dei principali sistemi di armi, nonché nella convalida degli ordini e delle informazioni sul campo di battaglia, tra gli altri usi. Questo è secondo ciò che conduce Victoria Adams, la pratica del governo ConsenSys a Washington, DC, disse a Cointelegraph. Ha aggiunto che le osservazioni del ministro indiano riguardo alla blockchain "potrebbero essere state un po 'lunghe", ma che l'IA, al confronto, "rivoluzionerà tutto".

Gestione logistica e militare catene di approvvigionamento sarà una sfida particolare, ha affermato Adams, soprattutto quando questi diventano più privatizzati e complessi con l'aggiunta della produzione additiva (ad es. Stampa 3D). Se il Corpo dei Marines degli Stati Uniti metterà sul campo le stampanti 3D in modo che i soldati possano farlo produzione Ad esempio, i pezzi di ricambio in loco per gli F-35 devono proteggere queste stazioni di lavoro dagli hacker, in particolare le specifiche digitali.

"Il Pentagono ha affermato di non volere un vettore di attacco a singolo punto", Joel Neidig – CEO di Simba Chain, una startup di contratti intelligenti che collabora con la US Air Force per fornire una piattaforma basata su blockchain per proteggere la catena di approvvigionamento – ha detto a Cointelegraph . Ed è qui che la tecnologia blockchain, con le sue migliaia di nodi, può davvero essere di aiuto.

Se la catena di approvvigionamento è su una blockchain, i suoi avversari non possono più ottenere entrate illecite attraverso un singolo nodo o un singolo computer. Secondo Neidig, "Dovranno smantellare l'intera rete, il che non è così facile da fare. Pensa quanto è stato resistente il Bitcoin negli ultimi 11 anni. Nessuno è stato in grado di hackerarlo. "

Nessun piano strategico

Il Dipartimento della Difesa e altre agenzie di sicurezza statunitensi non sembrano ancora avere una strategia chiara e integrata per incorporare la blockchain nelle loro operazioni, anche se i casi d'uso sembrano essere frammentari emergenti.

A settembre, ad esempio, il Dipartimento della sicurezza interna premiato $ 143.478 alla società con sede a Vienna Danube Tech per sviluppare soluzioni di sicurezza blockchain, inclusi documenti digitali come passaporti e carte verdi da utilizzare agli attraversamenti delle frontiere o negli aeroporti.

Ma secondo ciò che Markus Sabadello, CEO di Danube Tech, ha detto a Cointelegraph, non è inverosimile vedere come un'organizzazione militare potrebbe rilasciare un'identità digitale per tutti i suoi soldati per stabilire le proprie credenziali, incluso il loro grado. I comandanti potevano inviare ordini attraverso la rete digitale decentralizzata e i soldati potevano verificare da chi proveniva il messaggio. Il nemico troverebbe difficile forgiare false identità, poiché tutti sono registrati su una blockchain e non ci sarebbe un server centrale che il nemico possa hackerare.

La tecnologia blockchain potrebbe anche essere utilizzata in settori legati all'esercito come i negoziati sulle armi, Rasmussen ha suggerito:

"Un'applicazione che è stata discussa è un cosiddetto calcolo multipartitico sicuro (MPC) che può essere combinato con blockchain in modo che un certo numero di persone possano inserire informazioni mantenendo privati ​​i loro input individuali. Questo è in discussione nel contesto della riduzione delle armi e degli accordi di sorveglianza. "

Tuttavia, tutto non sta accadendo abbastanza velocemente, secondo Adams. "Partecipi a conferenze sulla difesa e ne parli e ottieni molti sguardi vuoti." Sì, ci sono iniziative militari di blockchain in cantiere, "ma sono tutti piloti, test, che si bagnano la faccia – no risposta energica. "Adams ha continuato:

"Non vedo una forte atmosfera dei paesi della NATO. In confronto, la Russia e l'Esercito di liberazione popolare cinese hanno dimostrato di avere questo. "

Diversi paesi stanno sviluppando sviluppi in questo settore.

Cina

Secondo per Deloitte Insight Global Blockchain Survey del 2019, la Cina – più di ogni altro paese – utilizzerà la blockchain "strategicamente anziché tatticamente", secondo Paul Sin, partner di consulenza di Deloitte Advisory. Inoltre, il 34% degli intervistati cinesi nel sondaggio del 2019 crede fortemente nel potenziale dirompente della blockchain, più della maggior parte dei paesi nel sondaggio.

Altrove, le dichiarazioni dell'esercito popolare di liberazione della Cina hanno destato preoccupazione in Occidente. In un 2018 articolo, il PLA ha descritto come la tecnologia alla base di Bitcoin potrebbe avere applicazioni militari, anche nelle sue operazioni di intelligence e nella protezione dei dati del ciclo di vita delle armi dagli attacchi informatici.

Secondo Jahara W. Matisek, assistente professore di studi militari e strategici presso la U.S. Air Force Academy, l'articolo della rivista è stato scritto specificamente come un invito all'azione. Ha citato il PLA direttamente nel suo articolo sulla rivista Interesse nazionale, che ha dichiarato: "Se non prendiamo precauzioni al passo con i tempi, saremo soggetti a controllo dappertutto". Matisek ha commentato la citazione:

"Il PLA sembra riconoscere l'importanza di questa capacità tecnologica emergente, ma la Cina dovrebbe essere autorizzata a controllare il futuro della guerra dell'informazione?"

Russia

Più di due anni fa, il servizio di notizie russo Tass annunciato che la tecnologia blockchain potrebbe presto essere introdotta nell'esercito russo, ma ha osservato: "Dovremmo essere cauti quando ci avviciniamo alle nuove tecnologie, studiarle in dettaglio perché portano sempre non solo nuovi vantaggi ma anche nuovi rischi e minacce sconosciute".

Nel 2018, il Ministero della Difesa russo ha annunciato che stava lanciando un nuovo laboratorio di ricerca per studiare come la blockchain potesse contrastare gli attacchi informatici. Sperava di costruire piattaforme sicure basate su blockchain per rendere più difficile nascondere tracce di attacchi informatici e tracciare gli intrusi online nei suoi sistemi, secondo ad Adams.

Corea del Sud

Ad aprile, il dipartimento della difesa della Corea del Sud annunciato un programma pilota blockchain per prevenire manomissioni esterne con la sua catena di approvvigionamento militare. Kim Tae-gon, coordinatore della National Defense Agency, ha definito la tecnologia blockchain "una delle tecnologie chiave della 4a rivoluzione industriale". Ha aggiunto:

"La storia dell'intero processo, da offerte, valutazione e risultati per progetti di miglioramento della difesa, sarà registrata sulla blockchain, consentendo una gestione più trasparente del processo di selezione dell'azienda."

India

L'industria della difesa dell'India sta subendo "una agitazione per far fronte e impiegare queste tecnologie, al fine di salvaguardare la sicurezza delle infrastrutture critiche", secondo il ministro della Difesa Rajnath Singh il 3 novembre, come segnalati dal Times of India.

Nel frattempo, gli studiosi in India sono preoccupati per la blockchain a supporto della conduzione di operazioni militari. Secondo Revisione della sicurezza globale, "Con un autore che riconosce che mentre i governi e gli individui sviluppano capacità di calcolo quantistico, la blockchain renderà facile l'hacking in reti altamente sicure."

stati Uniti

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti – un po 'in ritardo, forse – sta riconoscendo i vantaggi della tecnologia blockchain per la difesa nazionale, rilevando nella relazione sulla strategia di modernizzazione digitale di luglio 2019, la sua agenzia per i progetti di ricerca avanzata sulla difesa, o DARPA, studierà la tecnologia. Il rapporto afferma:

"DARPA sta iniziando a sperimentare la blockchain per creare una piattaforma più efficiente, solida e sicura utilizzando un protocollo blockchain che consentirà al personale di qualsiasi luogo di trasmettere messaggi sicuri o elaborare transazioni che possono essere tracciate attraverso numerosi canali di un libro mastro decentralizzato."

Il Dipartimento della Difesa ha fatto riferimento a specifici vantaggi della comunicazione, come "facilitare la comunicazione tra le unità e il quartier generale e la trasmissione di informazioni tra funzionari dell'intelligence e il Pentagono".

Ma molti dei casi d'uso sopra menzionati sembrano essere iniziative individuali di dipartimenti o settori di servizi (ad esempio, la US Air Force), e questi sono all'inizio del processo di sviluppo. L'iniziativa statunitense DHS con Danube Tech, ad esempio, è ancora nella fase pilota e il progetto di Simba Chain con la US Air Force è appena passato alla fase due. Ci vorranno diversi anni prima che una soluzione venga implementata su larga scala, Neidig ha detto a Cointelegraph.

NATO

La NATO, in quanto organizzazione politica e militare, deve trovare il modo di aumentare gli investimenti nell'alleanza, oltre a cooperare più da vicino per sviluppare nuove tecnologie come la blockchain e l'IA, ha spiegato Rasmussen a Cointelegraph, aggiungendo:

"Sentiamo spesso il presidente Trump parlare della necessità per gli alleati della NATO di spendere il 2% dell'RNL in difesa. Questo era un obiettivo concordato al mio ultimo vertice NATO. Ma dovremmo anche concentrarci su un altro obiettivo – il 20 percento – che è l'importo che gli alleati della NATO dovrebbero spendere in attrezzature e ricerca e sviluppo. Credo che dovremmo aumentare questo al 30 percento in tutta l'alleanza. "

Se Darpa non riesce a capirlo, chi può farlo?

Non tutti ammettono che la blockchain rivoluzionerà – o addirittura avrà un impatto – la guerra in modo significativo. DARPA, l'agenzia visionaria del DoD, dovrebbe anticipare il futuro, dopo tutto, che si tratti di Internet, delle auto senza conducente o del campo di battaglia autonomo.

Il 19 novembre 2019, DARPA ha emesso una richiesta di informazioni sui protocolli di consenso distribuito per vedere come questa tecnologia potrebbe migliorare la sicurezza, l'archiviazione e l'informatica nel Dipartimento della Difesa. Secondo a C4ISRNET: Media for the Intelligence Age Military, tale richiesta è “quasi un'accusa alla tecnologia stessa. Se DARPA non riesce a capire un uso responsabile e generatore di valore per la blockchain, chi può farlo? "

Non sarà facile introdurre il decentramento (cioè blockchain) in organizzazioni militari dall'alto verso il basso e fortemente centralizzate. Alcune menti militari potrebbero essere riluttanti a rinunciare al controllo, anche se l'esercito americano ha incoraggiato più iniziative dal basso negli ultimi anni. "Sì, è un problema", ha detto Adams. “Ottieni il controllo rinunciando al controllo. È difficile da fare. Richiede un grande cambiamento culturale. "

Puntate più alte

Nel complesso, lo sviluppo della tecnologia blockchain fa parte di un quadro più ampio di chi rompe la prossima generazione di tecnologia – dalle applicazioni come la blockchain all'intelligenza artificiale – l'ex segretario generale della NATO Rasmussen ha detto a Cointelegraph:

"È un'area su cui ho lavorato negli ultimi mesi poiché credo fermamente che le democrazie del mondo debbano vincere questa gara".

Se ciò dovesse accadere, una posizione più solida e integrata dagli Stati Uniti e dai suoi alleati potrebbe essere in ordine.





Source link