Bitcoin corregge il 45% dagli alti


Dopo essere stato in un sonno per gran parte del 2018 e aver registrato cali costanti, Bitcoin è tornato con il botto nella prima metà di quest'anno. Durante i primi sei mesi dell'anno, BTC ha goduto di un'incredibile manifestazione che ha sollevato visioni di massimi senza precedenti, ma tutto ciò si è presto fermato.

Perché la caduta improvvisa?

Ora, la più grande criptovaluta al mondo è nel mezzo di una grave crisi, e dal suo massimo di $ 14.000 all'inizio di quest'anno, è crollata di oltre il 50%. Detto questo, va tenuto presente che nel corso degli anni, BTC ha avuto grandi cali e ha fatto forti ritorni.

Quindi, non è una sorpresa che la maggior parte degli analisti di criptovalute sia ancora ottimista sulle prospettive a lungo termine di Bitcoin. Detto questo, la maggior parte degli analisti non è così ottimista quando si tratta delle prospettive a breve termine del token.

Molti credono che BTC potrebbe calare ulteriormente nei giorni e nelle settimane a venire, prima di effettuare qualsiasi tipo di recupero. Il 24 novembre BTC è sceso a $ 6.500 per moneta, che si è rivelato essere il livello più basso da maggio all'inizio di quest'anno. Gli analisti non credono che $ 6.500 è il fondo per il token, e quindi, gli investitori possono aspettarsi che il token scenda ulteriormente.

Amministratore delegato di Digital Capital Management, Tim Enneking, ha detto, "Non vediamo $ 6,5k come il fondo, anche se è il primo candidato forte per quel titolo." La previsione non dovrebbe essere una piacevole notizia per molti che avrebbero potuto acquistare la criptovaluta quando era ai massimi livelli.

>> UPbit perde $ 49 milioni di criptovalute in Major Hack

Detto questo, ha continuato aggiungendo che se ci sarà un rimbalzo, accadrà dopo che Bitcoin scenderà ulteriormente da quel particolare livello. Va notato che dopo che Bitcoin ha raggiunto $ 6.500 il 24 novembre, si è ripreso il giorno successivo e ha raggiunto $ 7.400.

Immagine in primo piano: DepositPhotos © nils.ackermann.gmail.com

Se ti è piaciuto questo articolo Fai clic per condividere





Source link