EX-amministratore delegato di QuadrigaCX

L’exchange ha anche perso la sua rappresentanza legale, ma almeno sembra che il suo defunto amministratore delegato sia stato un bravo ragazzo.

Abbiamo quasi passato un’intera settimana senza uno sviluppo QuadrigaCX singolo, ma lo scambio di criptovaluta canadese ha ora aggiunto alcune altre pieghe a una storia che è diventata una vera e propria cootie catcher. Il 13 marzo, Jennifer Robertson, uno dei due registi di QuadrigaCX e la vedova del defunto fondatore e CEO della borsa, Gerry Cotten, ha pubblicato un dichiarazione nel dettaglio il tentativo personale di Cotten di finanziare i prelievi degli utenti nel 2018 e il cambio di cambio nella rappresentanza legale.

Secondo la dichiarazione di Robertson, Cotten aveva “rimesso i propri soldi in QCX per finanziare i prelievi degli utenti nel 2018 mentre CIBC [Canadian Imperial Bank of Commerce] il denaro è rimasto congelato. “CIBC congelato conti multipli aperti dal processore di pagamento di QuadrigaCX, Costodian Inc., nel gennaio 2018. CIBC ha affermato di non essere stato in grado di determinare se lo scambio o le persone associate agli account possedevano il denaro. Dei $ 67 milioni che erano stati depositati nei conti Costodian Inc., 25.7 milioni di dollari canadesi e $ 60.000 USD sono stati congelati dalla banca.

Mentre Robertson non fornisce dettagli sul numero di prelievi che Cotten ha personalmente finanziato, sappiamo che i fondi di QuadrigaCX sono stati congelati praticamente per l’intero 2018. Non è stato fino al 3 dicembre che lo scambio annunciato un giudice si era pronunciato a suo favore e che i fondi detenuti dalla CIBC sarebbero stati liberati, sebbene non fossero stati fatti a disposizione agli utenti che cercano di effettuare prelievi fino al 27 dicembre.

Parlando di ritiro, la dichiarazione di Robertson rileva anche che Stewart McKelvey, il team legale di QuadrigaCX, si ritirerà dal rappresentare lo scambio in futuro. Secondo la dichiarazione, Ernst & Young (EY), il responsabile designato dallo scambio, ha informato Robertson delle “preoccupazioni relative a un potenziale conflitto di interesse che è stato sollevato a causa di informazioni che sono state portate all’attenzione del Monitor dal inizio del [Companies’ Creditors Arrangement Act] processi.”

EY non ha fornito a Robertson i dettagli su quale sia il potenziale conflitto di interessi. Nel suo secondo rapporto, pubblicato alla fine di febbraio, il monitor osservava che Stewart McKelvey deteneva 1.004 delle bozze di banca di QuadrigaCX, totalmente 5,8 milioni di dollari canadesi. Lo scambio aveva bisogno dei fondi per continuare a finanziare i suoi procedimenti legali.

Source link